Cucina

Piano cottura a induzione: pro e contro

piano-cottura

Il piano cottura a induzione è tra i più moderni del momento e sono sempre di più coloro che desiderano acquistare questo piano per la loro nuova cucina, ma quali sono i pro e contro di un piano cottura a induzione? Vediamoli insieme!

Piano cottura a induzione: i vantaggi

Il piano cottura a induzione si presenta con una piattaforma liscia e senza fornelli, in quanto per funzionare non ha bisogno del gas, ma semplicemente dell’energia elettrica. Questi piani a cottura infatti, nel pannello sottostante presentano delle bobine che si riscaldano raggiungendo una temperatura tale che poi offre la possibilità di cuocere le pietanze in modo omogeneo e in poco tempo. Ma quali sono i principali vantaggi di questo piano cottura?

1-Design innovativo e moderno

Uno dei principali vantaggi del piano cottura a induzione è il suo aspetto moderno oltre che innovativo. Infatti, la piattaforma realizzata in vetroceramica è completamente piana, di solito si presenta di colore nero lucido oppure con effetti particolari come il granito, o altri colori che ben si abbinano al design della cucina. Scegliere una cucina a induzione dunque permette di ottenere uno stile più lineare oltre che moderno.

2-Si elimina la dispersione termica

Il gas per forza di cose prevede una dispersione termica che comporta anche un aumento della temperatura. Infatti, il gas sino a quando riscalda la padella e nel momento in cui viene acceso inizia subito a bruciare e consumare gas. Invece, questo non avviene con il piano cottura a induzione. Infatti, questi si accendono solo nel momento in cui si appoggia la pentola nella zona di accensione del piano a induzione.

3-I piani a induzione sono più sicuri

Anche se molti dei piani cottura a gas oggi presentano delle valvole di sicurezza, il rischio di dimenticare il gas aperto o di una fuga dal condotto principale potrebbe essere sempre dietro l’angolo. Per questo motivo i piani a induzione che invece funzionano solo con il riconoscimento automatico delle padelle, e grazie al fatto che si riscalda solo la zona in cui si pone la pentola al di sopra, il sistema dunque diventa più sicuro e non si rischiano delle dispersioni. Inoltre, la zona esterna in vetroceramica diviene fredda e quindi non c’è nemmeno il rischio di scottarsi nel momento in cui si tocca il piano.

4-Alta efficienza

Il sistema a induzione offre un ottimo rendimento, infatti i sistemi a induzione presentano un’efficienza pari al 90%, mentre quella del gas è solo del 40% a causa della dispersione termica elevata, infatti buona parte del calore che sprigiona la fiamma finisce per disperdersi nell’ambiente circostante. L’efficienza dei piani cottura a induzione è dovuto dalle bobine sotto il piano in vetroceramica, le bobine infatti sono alimentate ad energia elettrica e generano un campo magnetico che poi si può trasferire direttamente alla pentola per scaldarla.

5-Qualità e tempi di cottura ottimali

I vantaggi dei sistemi a induzione sono davvero molteplici come abbiamo visto, tra questi pro troviamo anche il tipo di cottura. Infatti, la cottura è precisa e molto rapida, si possono impostare vari livelli di temperatura in base alle proprie esigenze, e si può adoperare la funzione booster per riuscire a far bollire l’acqua anche in poco tempo. Infatti, il calore si diffonde nell’immediato e in modo completamente uniforme sulla pentola, in questo modo il tutto si cucina in modo ottimale e in poco tempo.

6-Facile da pulire

Infine, un ultimo vantaggio da considerare è che ci vuole pochissimo tempo per pulire questo piano cottura, rispetto a quelli a gas. Innanzi tutto l’assenza di fornelli per il rilascio del gas, permette di passare il panno in modo semplice e veloce. Inoltre, essendo realizzato in vetroceramica questo si presenta sempre lucido dopo averlo pulito con un panno umido e asciugato con uno più asciutto.

I contro del piano cottura a induzione

Come abbiamo visto sono diversi i vantaggi di un piano cottura a induzione, questo però presenta anche alcuni svantaggi. Dato che stiamo stilando una lista di pro e contro quindi è arrivato il momento di valutare quali sono i punti a sfavore di un piano cottura a induzione. I principali svantaggi sono:

1-Un prezzo d’acquisto più alto rispetto a quelli a gas

I prezzi al quale si possono acquistare i vari piani a induzione sono generalmente più alti rispetto a quelli a gas. Infatti, i fornelli a gas essendo tra i più comuni in commercio non costano molto e spesso se si acquista una cucina componibile il piano cottura a gas è già compreso nel prezzo. Invece, il prezzo d’acquisto dei piani cottura a induzione è più alto perché questi innanzi tutto sono realizzati in vetroceramica e sono più tecnologicamente avanzati.

2-Si devono acquistare nuove pentole

I piani cottura a induzione hanno bisogno di pentole specifiche per la cottura mediante l’energia elettrica e non sul gas. Le pentole per i piani cottura a induzione devono essere innanzi tutto realizzate con un fondo completamente piatto, e lo stato inferiore deve presentare un materiale ferroso con il quale attivare il campo magnetico e così avviare il sistema elettrico della piattaforma. Quindi per usare questo piano cottura è necessario comprare nuove pentole e una moka ideale per il sistema a induzione.

3-Non si possono usare pentole in altri materiali

Mentre sul gas si ha la possibilità di utilizzare vari materiali come il rame, la terracotta, l’alluminio, l’acciaio e il metallo. Con i piani cottura a induzione di solito si possono utilizzare solo le padelle e le pentole pensate per attivare le bobine elettriche del piano a induzione.

4-I consumi sono maggiori rispetto a quelli del gas

Il consumo della corrente rispetto a quello del gas è maggiore. Innanzi tutto, bisogna considerare che le bobine assorbono una potenza elettrica pari a 3 kw. Quindi per riuscire a far funzionare questo piano cottura è necessario elevare la potenza elettrica della propria abitazione ad almeno 6 kw. Quindi i costi aumenteranno nel momento in cui si chiede un’aumento dell’emissione di energia dell’impianto elettrico. Oltre ai costi in aumento per il kilowattaggio superiore bisogna considerare che per raggiungere la temperatura di cottura idonea le spese sono lievemente più elevate rispetto a quelle del gas.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

To Top