Arredamento

L’arredamento perfetto per la casa di montagna

Sentire il desiderio di avere una casa in montagna è del tutto normale, tanto più in questo periodo dell’anno. In questi freddi giorni di gennaio, il clima non invita di certo a uscire, ma l’idea di vedere la neve che cade fuori dalla finestra mentre si sta al caldo a sorseggiare una bevanda fumante e/o a leggere un libro continua ad avere il suo fascino. Non è per tutti possibile perché non nevica in ogni parte d’Italia. Ecco perché molti pensano ad affittare o acquistare una seconda casa in zone montuose, così da passare qualche giorno in totale relax.

Chalet e baite sono ottime in questi casi. Non sono troppo grandi, ma hanno l’essenziale per vivere. Inoltre, se arredati con cura e attenzione, possono risultare particolarmente belli da vedere.

Qual è l’arredamento migliore per una casa di montagna? Scopriamolo insieme!

Lo stile perfetto per una baita o uno chalet

È chiaro che il gusto soggettivo è sempre quello che detta legge quando si parla di arredamento. La casa dovrebbe sempre rispecchiare la personalità di chi la vive; il design può solo limitarsi a esprimere carattere, necessità e passioni al meglio.

Tuttavia, se dovessimo indicare degli stili che si coniugano bene con il mondo della montagna, bisogna menzionare lo shabby chic e il country chic. Entrambi questi design riescono a donare all’ambiente una sensazione di calore e di accoglienza nonostante l’eleganza dei mobili. Questo effetto è garantito soprattutto dalla presenza del legno. Questo materiale non può mancare nell’arredamento di una casa di montagna. Non c’è elemento che riesca meglio a dare l’idea di freddo, di neve e di inverno. Puoi decidere di creare una pavimentazione in legno, di rifinire i muri o di renderlo protagonista del mobilio. L’importante è che sia presente.

Anche lo stile moderno potrebbe essere adatto a uno chalet. Tra una tavola di legno e l’altra potresti anche optare per l’inserimento di porte in vetro o di inserti in marmo. Usare i mattoni a vista è un’altra soluzione particolarmente vincente soprattutto se usata nella zona camino.

Insomma, le soluzioni non mancano di certo. Per scegliere il design di arredamento del tuo chalet o della tua baita devi solo affidarti a ciò che ti piace e considerare per bene le tue necessità.

Arredare una casa di montagna

Una volta che avrai deciso quale design usare per l’arredamento della casa di montagna, non ti resta che creare ambienti in linea con quel disegno. Non si tratta solo di scegliere i mobili o i complementi d’arredo, ma anche di capire quali pavimenti e quali decorazioni per le pareti sono giusti per questo tipo di case.

I pavimenti e le pareti

Una casa di montagna non può non avere il parquet. È il pavimento che meglio riesce a creare un clima di accoglienza proprio perché realizzato in legno o materiale che lo richiama molto. Inoltre, è una scelta intelligente dal punto di vista pratico poiché il parquet riesce a trattenere il calore della casa. Per renderlo ancora più efficiente, si potrebbe installare il riscaldamento a pavimento che aiuterà a rendere gli ambienti meno freddi. Dal punto di vista estetico, il parquet dà un tocco naturale che si inserisce bene nel contesto della montagna.

Per impreziosire l’arredamento, è doveroso inserire dei tappeti a terra meglio se pelosi e richiamanti soggetti legati all’inverno o al freddo. Non dovrebbero assolutamente mancare né nella zona soggiorno, né in camera da letto.

Le pareti di uno chalet o di una baita sono quasi sempre rivestite di legno. Può essere usata una sfumatura più chiara del pavimento o una più scura: sta tutto al tuo gusto. In alternativa, puoi dipingere le pareti di bianco o di un colore chiaro. Solitamente, non si usano colori scuri per le case in montagna.

Il soggiorno di una casa di montagna

La zona living di uno chalet deve per forza dare una sensazione di relax e di tranquillità. Se è presente un camino, bisognerà renderlo protagonista della stanza mettendoci in torno tavolini di legno, scaffali e, naturalmente, il divano su cui sedersi ad ammirare le fiamme. Sulla mensola del camino puoi mettere fotografie, quadri o oggetti decorativi. Tutt’intorno, invece, potresti sistemare delle libreria con sopra esposte le letture adatte alla vacanza.

Il divano potrebbe avere una struttura in legno ed essere rivestito in cotone con colori caldi. Sopra di esso dovrebbero essere posizionati plaid e cuscini che rendano la permanenza più morbida e calorosa. Il motivo dei tessuti dovrà abbinarsi con lo stile della baita oppure richiamare dei soggetti tipici della montagna.

È importante avere dei tavolini da salotto in legno su cui appoggiare candele profumate, riviste e guide della zona. Metterci sopra un vaso con dei fiori freschi o qualche altro elemento naturale potrebbe essere una buona idea per rendere l’ambiente ancora più intimo.

La cucina

Molto spesso le baite e gli chalet hanno degli open space che coinvolgono zona living e cucina. Di conseguenza, potrebbe essere interessante pensare a una cucina con penisola o anche con isola. In questo modo, si avrà un unico grande ambiente caloroso in cui tutti quelli che sono in casa possono godere della compagnia gli uni degli altri.

La cucina potrebbe essere in legno o di materiali che lo ricordano. Sarebbe sempre opportuno prediligere sfumature chiare per rendere l’ambiente luminoso.

La camera da letto

Sul letto di uno chalet non possono mancare coperte o pile imbottiti. Lo stesso dicasi per i cuscini. Esso dovrà essere il protagonista assoluto della stanza, un po’ come in tutte le camere da letto. Per i colori dei tessuti è bene prediligere dei colori naturali e scuri, in contrasto con le sfumature più chiare delle pareti e del resto della casa. Il verde e il mattone sono quelli più in linea con l’ambiente alpino.

Armadi e comodini devono esserci in abbondanza, meglio se in legno. E se la stanza è abbastanza grande, potresti inserire anche una cassapanca o una piccola poltroncina dove sedersi a leggere.

L’illuminazione

Per la casa in montagna, sarebbe bello sfruttare al massimo la luminosità delle finestre, soprattutto se si ha una casa con vetrate ampie. Per le ore di buio, invece, l’ideale è avere un’illuminazione morbida e soffusa, quella che si ottiene a partire da vecchi lampadari o da lampade posizionate sulle pareti.

To Top